Come togliere le macchie di muffa dal muro

      Nessun commento su Come togliere le macchie di muffa dal muro

La stagione autunnale e quella invernale sono nemiche per i nostri muri, soprattutto se le giornate sono piovose e con un elevato tasso di umidità. Infatti si formano facilmente le fastidiose macchie di muffa sui muri delle nostre case, rendendo l’ambiente non solo malsano e maleodorante ma dall’aspetto vecchio e trascurato.

Muffa muro

Cos’è la muffa?

Quando parliamo di muffa non parliamo di altro se non di esseri viventi: sono microrganismi paragonabili ai batteri che proliferano al meglio in un ambiente umido e freddo. Le muffe infatti si nutrono proprio dell’umidità e di tutte le sostanze presenti nell’aria umida.
Per questo motivo, le pareti che sono esposte al freddo e alla pioggia e che hanno delle piccole fessure, rappresentato una vera e propria nicchia ecologica per lo sviluppo e la riproduzione di tali microrganismi.
Esteticamente è facile individuare il punto in cui inizia a crescere la muffa: inizia a comparire sotto forma di puntini sparsi che diventano sempre più densi, formando poi delle vere e proprie macchie. Quando queste si estendono possono corrodere le pareti sino al loro sfaldamento.

Come togliere le macchie di muffa dal muro?

Ripristinare il muro è possibile con pochi materiali che tutti abbiamo in casa e che costano davvero poco. Ci occorrono:

  • Uno spruzzino;
  • Una spugna;
  • Acqua, meglio se tiepida;
  • Candeggina;
  • Guanti monouso.

Prima di procedere è importante munirsi di guanti protettivi, per evitare contatti della pelle con la muffa: il contatto potrebbe portare a irritazioni cutanee o, nel peggiore dei casi, a una reazione allergica.

1) Il primo passo è quello di iniziare a rimuovere le macchie di muffa tramite l’uso di una spugna bagnata: strofinate la spugna per rimuovere la parte più superficiale.
2) Successivamente, per sradicare la muffa lavare la parete con la candeggina diluita in acqua e versata in un apposito spruzzino: spruzzare il liquido sul muro e continuare a strofinare con la spugna fino a quando la muffa non sarà andata via.

Come mettere a nuovo la parete?

Questa operazione è quella conclusiva: per far tornare il muro come prima procedere con un ritinteggio.
Si può effettuare un ottimo ripristino mediante l’idropittura murale del colore precedente che aveva la parete, che consente di pitturarla restituendogli l’aspetto iniziale, prima che la muffa attaccasse quel punto del muro.

Prevenzione

Considerare che la muffa è un microrganismo molto aggressivo e probabilmente, anche se la macchia vi sembrerà scomparsa, potrebbe ricomparire. Alcuni accorgimenti vi consentiranno di prevenire la formazione di ulteriore muffa.
Il primo consiglio è quello di arieggiare spesso le stanze: con una buona circolazione dell’aria, si eviterà la formazione di condensa. Per lo stesso motivo, azionare regolarmente la cappa aspirante quando si cucina.
Il secondo consiglio è quello di evitare l’asciugatura degli indumenti in casa o di avere molte piante negli interni: sono entrambi fattori che aumenteranno il tasso di umidità che favorisce la formazione di muffa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *