Controsoffitti in cartongesso come realizzarli in modo corretto

L’utilizzo di controsoffitti è una soluzione molto diffusa già da molti anni che, con lo sviluppo delle tecnologie, ha conosciuto un forte sviluppo. La realizzazione di controsoffitti in cartongesso è una di quelle più in voga perché permette, in tempi rapidi e costi contenuti, di risolvere molti problemi tecnici (primariamente di isolamento acustico e termico), ma anche perché offre notevoli vantaggi in termini estetici e di design.

Controsoffitto in cartongesso

I vantaggi di un controsoffitto

Come anticipato, quindi, realizzare controsoffitti in cartongesso è una scelta vantaggiosa per diversi motivi. Innanzitutto stiamo parlando di strutture molto leggere, con un’elevata facilità e velocità di posa, con una maggiore pulizia delle zone di cantiere, per la possibilità di coprire eventuali difetti di costruzione e, ancora, perché permette è una struttura che può essere rimossa e sostituita facilmente qualora si dovesse procedere con alcune modifiche. Infine, aspetto da non sottovalutare, si tratta di una soluzione percorribile anche per il fai da te.

I vantaggi del cartongesso

Nello specifico il cartongesso, a differenza di altri materiale, racchiude tutta una serie di vantaggi che lo rendono una delle soluzione preferite nel settore edile. Innanzitutto grazie ai pannelli in cartongesso si riescono a realizzare controsoffitti con un elevato livello di isolamento termico e acustico. Inoltre, con l’installazione di questi pannelli, è possibile creare un intercapedine nella quale inserire materiali isolanti, come la lana di vero o quella di roccia, che ne aumentano l’efficienza.

Rimanendo nelle qualità tecniche del cartongesso bisogna ricordare anche la grande resistenza alle fiamme, agli urti e alle deformazioni. Anche per questo i controsoffitti in cartongesso sono particolarmente apprezzati per i locali commerciali dove sono maggiori determinati rischi.

Anche dal punto di vista estetico il cartongesso è una garanzia. Grazie all’elevata duttilità del materiale è possibile modellare e tagliare qualsiasi forma, in modo da realizzare controsoffitti di eleganti e di design, utili per ogni necessità.

Come si posano i controsoffitti in cartongesso

Quando si deve procedere alla posa di controsoffitti in cartongesso bisogna prestare particolare attenzione all’altezza degli ambienti dove si sta operando. In modo particolare non si può derogare alle altezze minime previste dai regolamenti edilizi che, salvo diverse indicazioni, sono di 2.40m per i corridoi e 2.7m per tutte le altre stanze.

A questo punto bisogna aver chiaro cosa si vuole realizzare e procedere a mettere in atto il progetto precedentemente redatto. In fase di progettazione bisogna anche tenere in considerazione tutti i fili elettrici e i punti luce presenti e predisporre eventuali modifiche. La struttura del controsoffitto in cartongesso può essere fissata al solaio, in sospensione, utilizzando piedini in acciaio o una struttura meccanica di supporto. I pannelli vengono successivamente fissati a questa struttura tramite tasselli, viti o chiodi autofilettanti.

Terminata la posa dei pannelli in cartongesso si procede a coprire le giunture tra i pannelli stessi mediante una garza plastificata che viene applicata tramite un collante specifico. Dopodiché il controsoffitto va intonacato con uno stucco per pareti, quindi alla carteggiatura.

Infine si conclude il lavoro con l’applicazione di un’isolante specifico e della pittura, secondo le esigenze specifiche di ogni ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *