Cucine professionali ad uso domestico

      Commenti disabilitati su Cucine professionali ad uso domestico

In anni recenti la passione tutta italiana per la buona cucina ha visto un rapido incremento. Il proliferare di format televisivi e siti a tema ci ha permesso di conoscere dall’interno l’attività degli chef e le loro modalità operative. Il risultato è che in Italia ad oggi esistono moltissimi chef amatoriali, in grado di trasformare un invito a cena in un’esperienza estetica, in cui tutti e cinque i sensi vengono coinvolti. Parallelamente, si è diffusa la progettazione e vendita di cucine professionali ad uso domestico, per venire incontro alle esigenze di un’utenza sempre più consapevole ed ambiziosa.

Cucina professionaleSenz’altro una cucina professionale è pensata per carichi e dinamiche di lavoro che sono molto diversi da quelli che si verificano in una normale abitazione, per cui il modello di base di queste cucine va adattato all’ambiente di casa. Non tutto quello che serve ad un professionista è necessario ad uno chef amatoriale, per quanto possa essere bravo.

Quali sono quindi le caratteristiche da privilegiare, quando vogliamo realizzare una cucina professionale ad uso domestico? Analizziamole assieme.

Le caratteristiche principali

I principi di base su cui strutturare il nostro progetto sono pochi ed essenziali, ma importanti da seguire.

Organizzazione

La prima caratteristica di una cucina professionale, che merita di essere “esportata” nella cucina di casa, è l’organizzazione. In ambito professionale ottimizzare i tempi è essenziale, per cui ogni cosa ha il suo posto, e c’è un posto per ogni cosa.  Questo significa che in una cucina professionale ad uso domestico è necessario suddividere gli spazi in scomparti il più possibile organizzati, con mensole e aste portaoggetti, cassetti e contenitori. In questo modo sarà possibile una precisa classificazione tanto degli attrezzi quanto degli alimenti, e reperire l’oggetto giusto al momento opportuno diventerà un gioco da ragazzi.

L’organizzazione di una cucina professionale si esprime anche nel rispetto delle linee di lavoro. Questo significa che la disposizione degli elementi di arredo deve accompagnare la sequenza di esecuzione delle pietanze, dalla mondatura al lavaggio delle materie prime, per poi passare alla preparazione ed alla cottura. Eventualmente, se lo spazio ed i mezzi disponibili lo permettono, sarà anche possibile separare la linea di lavorazione degli alimenti da quella di trattamento delle stoviglie sporche, con due lavelli separati, uno per il cibo e l’altro per le stoviglie. La zona di lavorazione e cottura degli alimenti può trovare una felice soluzione nell’uso dell’elemento a isola, tipico delle cucine professionali.

Qualità dei materiali

Perché la cucina di un ristorante duri nel tempo, è assolutamente necessario che la selezione dei materiali avvenga con la massima cura. Questo è un principio che si può eccellentemente applicare alle cucine professionali ad uso domestico. Acquistare prodotti di qualità potrà richiedere un maggiore investimento economico all’inizio, ma negli anni verremo ripagati per questa scelta.

Il materiale principe delle cucine professionali è senza dubbio l’acciaio inox. I suoi più grandi pregi sono la resistenza all’usura e la facilità di manutenzione, perché una cucina dev’essere prima di tutto pulita e robusta. Col suo aspetto essenziale, si sposa molto bene alle progettazioni di stile minimal e contemporaneo. Il contro sono i costi piuttosto elevati; è però possibile, con budget più ridotti, acquistare dei normali mobili in legno, da far rivestire con delle pannellature in acciaio.

Un altro materiale da prendere in considerazione è il vetro, per le mensole e nei dettagli costruttivi. Il vetro trasmette un’idea di trasparenza ed igiene e si sposa molto bene con l’acciaio per un design attuale.

Per i pavimenti, scegliete un materiale sobrio e semplice da pulire, come la ceramica ed il linoleum.

Scelta degli utensili

Sicuramente la meravigliosa parata di tutti gli utensili ed accessori che compongono una cucina professionale è motivo di fascino ed ammirazione per ogni aspirante chef. Se il vostro desiderio è di creare una cucina professionale ad uso domestico, questo è senz’altro un aspetto del quale prendersi la massima cura. Al giorno d’oggi è facile reperire tutta questa attrezzatura da un buon rivenditore specializzato, senza doversi rivolgere ai fornitori che lavorano in ambito professionale.

Pentole e padelle in ghisa e in acciaio, set di coltelli in ceramica, taglieri, accessori per la lavorazione delle diverse materie prime renderanno la vostra cucina più efficiente, il vostro cibo più sano, e soprattutto saranno oggetti di lunga durata se correttamente tenuti.

Per quanto riguarda la scelta degli elettrodomestici, oltre agli indispensabili per la conservazione e cottura degli alimenti, e ad una buona lavastoviglie, vi consigliamo di limitare gli acquisti a ciò che effettivamente utilizzate con frequenza nelle vostre preparazioni. Ogni ingombro è uno spazio perso, e costituirà una piccola “falla” nel vostro sistema.

Per concludere, un ultimo consiglio: cercate di trasmettere la vostra personalità quando realizzate la vostra cucina professionale ad uso domestico. Questa si esprimerà nella scelta e disposizione delle materie prime, specialmente di quelle a vista, che maggiormente rifletteranno le vostre passioni ed attitudini culinarie.

Ogni cucina racconta una storia a sé stante. Qual è la vostra storia?