Tipi di legno per mobili: quali sono i più utilizzati

      Commenti disabilitati su Tipi di legno per mobili: quali sono i più utilizzati

L’arredamento è un’arte, un modo di esprimere la propria personalità, la propria concezione degli spazi e il proprio stile di vita. Farlo utilizzando il legno significa avvalersi di uno dei materiali più antichi e per questo nobili, belli e prestigiosi. Esistono tantissimi tipi di legno, in base all’albero dal quale sono tratti (le cosiddette essenze) e in base al tipo di trattamenti e lavorazioni che riceve.

Come utilizzare il legno nell’arredamento domestico

Il legno è un elemento adatto a diversi scopi, sia per il grande fascino ed eleganza, ma anche per le numerose proprietà tecniche come la resistenza, la duttilità, la longevità e la robustezza grazie alla quale può reggere pesi non indifferenti.

Oltre che per realizzare pavimenti, pareti e infissi, i diversi tipi di legno possono essere impiegati nella costruzione di qualsiasi altro tipo di arredo, partendo dalle classiche librerie, mensole e armadi, passando per le porte, i letti, le strutture di cucine, camere da letto e saloni, fino a tutti quegli elementi d’arredo capaci di esaltare ogni dettaglio degli ambienti dove sono collocati. Sul sito www.falegnameriapisu.com è possibile trovare moltissimi esempi di arredamenti in legno.

Il legno nell’arredamento

Per conoscere e classificare i tipi di legno possiamo innanzitutto suddividere le essenze (ovvero gli alberi dai quali provengono) in due macro categorie: legni teneri e legni duri. Tra i primi annoveriamo tra gli altri il pioppo, l’abete e il tiglio; tra i secondi il ciliegio, il pero, il noce e la quercia.

Oltre a questa distinzione ci sono tante altre particolarità e sfumature che riguardano ogni essenza. Si tratterà quindi di scegliere tra il colore del legno, i nodi e le venature, facendo riferimento sempre alle proprie esigenze, al proprio gusto e al tipo di arredamento che si vuole realizzare.

I tipi di legno

Vediamo quali sono i principali tipi di legno con le loro caratteristiche tra cui scegliere per realizzare l’arredamento della propria casa.

Impiallacciato

Su una base di massello o di laminato viene realizzato il legno impiallacciato, ideale per ripiani, ante e pensili, in quanto è economico, ma anche resistente a urti e scheggiature varie.

Laccato

È la versione rivestita con un particolare effetto estetico di altre tipologie di legno. È possibile richiedere diverse tecniche di laccatura in base alle proprie esigenze.

Legno lamellare

Questo tipo di legno è resistente all’umidità, è robusto e durevole nel tempo, ma soffre particolarmente la luce diretta del sole che può modificare e rovinare il colore originale.

Legno massello

 Il massello è considerato uno dei migliori tipi di legno, motivo che lo rendono particolarmente costoso e ricercato. Ha un effetto estetico straordinario, particolarmente robusto e longevo, ma che soffre molto gli sbalzi di temperatura e la luce solare; inoltre è molto sensibile agli urti e ai graffi.

Legno tamburato

Questa soluzione è la sintesi perfetta tra leggerezza e robustezza, grazie la particolare struttura a strati, ma senza rinunciare ad un effetto estetico di assoluto valore.

MDF

Questo tipo di legno è formato da pannelli in fibra di legno, provenienti da scarti di lavorazione. È un legno molto ecologico e ideale, anche dal punto di vista economico, per realizzare le basi dei mobili.

Nobilitato

È un legno rivestito con un materiale artificiale che lo rende nobile, capace di donargli particolari effetti e può essere laminato o melamminico.