Condizionatori portatili Pinguino De Longhi: recensioni e offerte

      Commenti disabilitati su Condizionatori portatili Pinguino De Longhi: recensioni e offerte

Il ricordo dell’ultima estate sarebbe stato più piacevole se non aveste dovuto soffrire il caldo torrido che l’ha caratterizzata? State seriamente pensando di non farvi cogliere impreparati alla prossima occasione? Bene, a meno che non vogliate programmare una gita al Polo,  potreste decidere di orientarvi sull’acquisto di qualche buon condizionatore portatile, magari di un bel Pinguino De Longhi…

Condizionatori Pinguino: cosa c’è da sapere?

Il Pinguino, così come la De Longhi, ha bisogno di poche presentazioni: chi non conosce il condizionatore portatile per antonomasia nonché il capostipite di questa generazione di apparecchiature anti-calura? Chi non ha mai sentito parlare del brand De Longhi? Bene, superata in scioltezza la fase delle presentazioni, vediamo di dare una descrizione, semplice e non eccessivamente tecnica dell’oggetto e del suo criterio di funzionamento.

Da buon condizionatore, Pinguino rilascia nell’ambiente dell’aria refrigerata. Fino a qui, non c’è niente da eccepire. Per far ciò comunque, ce lo garantiscono ingegneri e progettisti, espelle un certo quantitativo di aria calda. Dato che tale flusso deve necessariamente essere direzionato verso l’esterno (diversamente il climatizzatore portatile servirebbe a poco e niente), l’oggetto è dotato di un tubo che, di volta in volta, potrete decidere di orientare verso uno spiraglio di porta o finestra aperte, oppure ancora (chiaramente soltanto nel caso in cui della possibilità di spostare il condizionatore non vi interessi per niente) praticando dei fori nei vetri di casa e rendendo l’impianto del tutto fisso.

Un Pinguino in casa:  vantaggi e svantaggi

La domanda sorge spontanea: perché optare per un condizionatore portatile come Pinguino? Vero è che un  apparecchio fisso sarebbe sicuramente meno rumoroso e avrebbe un maggior potenziale rispetto al prodotto in esame (almeno nella maggior parte dei casi). Di contro però è anche possibile affermare che esso è sicuramente più gestibile rispetto ad un impianto da parete.

Innanzitutto, vantaggio più che evidente, non è necessario comprare un apparecchio per ogni stanza della vostra abitazione: soprattutto se vivete da soli potete benissimo trasportare l’oggetto, con una certa facilità peraltro, da una camera all’altra senza spendere una fortuna per l’acquisto di più climatizzatori. In secondo luogo non avrete bisogno di tecnici o personale specializzato che effettui delle installazioni: immaginate che bello uscire di casa per comprare qualcosa che, in una torrida giornata d’estate allevi un po’ le vostre sofferenze, e poterne beneficiare nell’immediato? Niente di meglio… In  ultimo, elemento questo da non trascurare specialmente se si vive in una casa piccola e non eccessivamente comoda dal punto di vista della gestione degli spazi, finita la stagione più calda potrete permettervi il lusso di impacchettare il vostro Pinguino e riporlo all’interno di un armadio, in garage oppure ovunque troviate un po’ di largo: comodo, no?

Passiamo poi all’esame del package: cosa troverete nella confezione oltre al vostro condizionatore?  In genere questi prodotti sono corredati da telecomandi a 6 funzioni, utili accessori come il bidoncino in cui poter riporre il tubo allungabile (anch’esso omaggio della ditta) utilizzato per convogliare all’esterno l’aria calda rilasciata dal dispositivo (ovviamente questa produrrà una discreta quantità di vapore acqueo e quindi di acqua che magari sarebbe il caso di non lasciar gocciolare per il balcone) ed appositi filtri anti polvere: what else?

Pinguino De Longhi: tipologie

Di Pinguini De Longhi esistono parecchi modelli. Dato che esaminarli tutti nel dettaglio richiederebbe un bel po’ di tempo, abbiamo scelto di suddividere l’intera produzione in due macroaree: i condizionatori portatili aria/aria e gli aria/acqua.

I classici…

Nel dettaglio possiamo affermare che alla prima tipologia appartengono essenzialmente i modelli più classici, quelli che negli anni tutti abbiamo imparato a conoscere e verso i quali nutriamo ormai una storica gratitudine. In generale questi prodotti hanno consumi che si aggirano sui 1000W e, per dare modo all’utente di godere di tutti gli agi possibili, sono dotati di telecomandi che consentano di controllare gli apparecchi a distanza e di rotelline per il trasporto da una stanza all’altra (il trionfo della pigrizia? No: semplicemente meno ci si muove e meno si suda!). Rientra nella categoria la serie PAC; si tratta in genere di prodotti appartenenti a classi energetiche A ed A+ atti a raggiungere un range di capacità di rinfrescamento oscillante tra i 9000 e gli 11000 BTU. Alcuni prodotti, per la serie “rinnovarsi o morire” presentano poi degli evidenti miglioramenti rispetto alle prime versioni lanciate sul mercato: silenziatore e deumidificatore su tutte. Per quanto riguarda la scocca però c’è un’evidente somiglianza tra i vari modelli in esame: sembrerebbe quasi di avere davanti un vero e proprio branco di pinguini…

Le innovazioni…

I modelli aria/acqua invece funzionano in virtù di un piccolo serbatoio, in cui l’utente dovrà al bisogno introdurre dell’acqua, che verrà poi trasformata in vapore dall’elettrodomestico (come tutto ciò possa tornare utile alla vostra causa richiede una discretamente lunga spiegazione tecnica che, ne siamo certi, buona parte dei lettori ci stanno già ringraziando di non aver incluso nell’articolo).

Rientrano nella categoria i PAC WE, ossia tutti i condizionatori che rappresentano le fasce più alte della produzione. Perché tanta differenza? Semplicemente perché questi modelli, oltre a poter vantare un’ottima fattura e ad essere tendenzialmente abbastanza silenziosi, raggiungono un grado di refrigerazione pari, o in certi casi superiore, a quello toccato dagli impianti fissi (17000 BTU) che consente ai macchinari di rinfrescare a dovere ambienti anche abbastanza spaziosi.  Un open space da 90 mq, ad esempio, potrebbe avvalersi di un unico dispositivo: scusate se è poco!

P.s. Chiaramente la qualità si paga: questi Pinguini sono sicuramente più costosi rispetto agli altri, ma vi assicuriamo che non vi pentirete della scelta effettuata.

Pinguini: climatizzatori per tutte le esigenze

Non abbiamo molto altro da dire su Pinguino De Longhi se non che in generale si tratta, a prescindere dal modello che si sceglierà di acquistare, di prodotti più che consigliati all’utente che abbia deciso di non liquefarsi per il caldo estivo.

E’ bene comunque avvertire i consumatori che la nota azienda italiana ha immesso sul mercato delle varianti adeguate a diverse situazioni: userete l’apparecchio soltanto la notte e soltanto in camera da letto? Bene, orientatevi sui modelli più silenziosi a costo di sacrificare qualche BTU (ovviamente il discorso è applicabile anche a stanze tutto sommato non eccessivamente spaziose in cui magari si studia o si lavora. Si badi che il prodotto, per quanto un po’ rumoroso, non può comunque dirsi troppo fastidioso. La notte però, lo sappiamo tutti, è un’altra storia…).

Casa vostra è particolarmente umida (cosa che accentua la percezione del calore)? Bene, orientatevi allora su un modello che abbia anche la funzione di deumidificatore; a volte può bastare azionare semplicemente quella per trovare un po’ di refrigerio.

Per ambienti particolarmente spaziosi invece, come già accennato in precedenza, sarebbe meglio scegliere un prodotto PAC WE, optate però per varianti con funzione eco se contate di tenere acceso il condizionatore notte e giorno tutta l’estate: in questo modo potreste ridurre i consumi ed ammortizzare subito le spese di acquisto.

I migliori condizionatori Pinguino De Longhi

A chi rivolgervi? Ovviamente ai negozi di elettronica, ma non disdegnate internet: molte piattaforme pensate per l’e-commerce, Amazon su tutte, potrebbero riservarvi piacevoli sorprese… Ed è proprio sulla base delle recensioni che i clienti hanno rilasciato su questa piattaforma di vendita che posso proporvi i condizionatori che hanno la media voto più alta, un motivo in più per sceglierli anche voi.

De'Longhi PACCN94 Condizionatore Portatile Monoblocco, 10500 BTU/h, Bianco

650,00
389,00
9 nuovo da 389,00€
Spedizione gratuita
Vedi offerta
Amazon.it
aggiornato il 15 ottobre 2018 21:50

Caratteristiche

  • Deumidifica durante la funzione di condizionamento
  • Rispetta l'ambiente e assicura il massimo comfort grazie al gas refrigerante R410A
  • Tre velocità di ventilazione per avere la massima potenza o il minimo livello di rumore
  • Il telecomando permette una facile e rapida impostazione di tutte le funzioni dell'apparecchi
  • Timer elettronico 24h e termostato

Ultimo aggiornamento 15 ottobre 2018 21:50

Ultimo aggiornamento 15 ottobre 2018 21:50

Foto copertina by Nuorese 95 [CC BY-SA 4.0 ], from Wikimedia Commons.

About i-casa

Diplomato geometra, anche se non ho proseguito la professione, mi è rimasta una certa sensibilità verso tutto quello che riguarda il mondo della casa, in particolare per l'arredamento. Appassionato di fai da te, mi piace lavorare con il cartongesso, con il quale è quasi sempre possibile trovare soluzioni creative e funzionali. Adoro tutti quegli elettrodomestici che possono rendere la vita in casa più piacevole.