Dimensione cucina: le regole di progettazione

      Commenti disabilitati su Dimensione cucina: le regole di progettazione

La cucina è il cuore pulsante della casa: è qui che la famiglia si prepara ad affrontare la giornata, è qui che si trascorre molto tempo durante la routine quotidiana, ed è sempre qui che, sopraggiunta finalmente la sera, ci si incontra di nuovo per raccontarsi piccoli e grandi avvenimenti del giorno e per stare un po’ insieme in un clima rilassato ed informale.

Per poter godere a pieno di queste atmosfere però è necessario trovare il modo di progettare una cucina funzionale ed adatta alle proprie esigenze. Ecco come procedere.

L’ergonomia

Ad essere ergonomici non sono soltanto i manici e le impugnature di svariati attrezzi da bricolage; anche le cucine, così come gli altri ambienti in cui quotidianamente si vive, si studia e si lavora, devono essere ergonomiche ossia adatte alle persone che di norma saranno chiamate a trascorrere lì gran parte del loro tempo.

Questo significa che in cucina non deve mancare mai la comodità, la praticità e la sicurezza.

I mobili quindi saranno proporzionati all’altezza degli utenti e gli spazi terranno conto anche della loro corporatura. Insomma: la vivibilità innanzitutto!

Dimensione cucina

Solitamente per quanto riguarda le basi di una cucina si tende a distanziarle dal pavimento di circa una novantina di centimetri o poco meno. Chiaramente, dato che l’ergonomia di cui si è appena accennato non prevede la standardizzazione di un modello, questa misura può subire delle variazioni, anche sensibili, in rapporto alle caratteristiche fisiche (altezza su tutte) dell’utente.

Altezza cucina

Queste misure sono date normalmente dalla somma delle altezze dello zoccolo (ossia la parte più bassa della struttura), delle ante ed infine del piano di lavoro. In genere la combinazione standard prevede la sommatoria di misure pari a 10cm per la parte inferiore, 70cm per la mediana e 5cm per la superiore.

Le varianti di cui sopra però non dipendono soltanto dalla corporatura dell’individuo, ma anche dalla conformazione della stanza.

Misure mobili cucina

Per quanto riguarda la profondità invece essa è di norma pari a circa una sessantina di centimetri o poco più e spesso può servire a compensare uno spazio ridotto in termini di lunghezza del piano d’appoggio.

A tale misura si uniformano normalmente anche le dimensioni degli elettrodomestici da incasso che in alcuni casi però possono risultare più compatti (45cm circa) o voluminosi (90cm circa).

Le profondità comunque aumentano quando, in luogo dei semplici pensili, si ha a che fare con le penisole o le isole che normalmente raggiungono valori compresi tra gli 80 ed i 90 centimetri.

Moduli cucina

In genere le cucine, soprattutto se componibili, si articolano in una serie di blocchi modulari le cui dimensioni sono pari a 15cm e multipli raggiungendo la massima larghezza di 120cm. E’ chiaro che le diverse misure di una stanza determinano nei vari progetti la necessità di utilizzare un blocco piuttosto che un altro o di combinare differentemente i vari elementi a disposizione.

Normalmente quando si progetta una cucina si è soliti prediligere unità pari a 45cm a cui associare, come riempitivi, altri blocchi da 30 o 15 centimetri. Questo non significa che le aziende costruttrici non possano all’occorrenza fabbricare dei pezzi fuori misura. Chiaramente i pensili fuori standard hanno però dei costi diversi.

Sul mercato comunque, proprio per venire incontro alle esigenze degli utenti, sono recentemente apparsi anche dei moduli da 40 ed 80 centimetri.

Il lavello

Il lavello, ovviamente, è uno dei pezzi forti dell’artiglieria: chi può rinunciarci? Esistono modelli adattabili ai diversi spazi che si hanno a disposizione e realizzati in diversi materiali,  rendendo sostanziona e variegata la scelta dei lavello.

Sostanzialmente i progettisti propongono ai clienti la versione a due vasche e gocciolatoio oppure ancora quella ad una sola vasca più gocciolatoio.

Nel primo caso le misure oscillano tra 100cm e 120cm di larghezza, nel secondo le dimensioni si riducono in media di 30/40cm.

Chiaramente questa seconda opzione è consigliata soltanto nel caso in cui si abbia a disposizione poco spazio o si sia scelto di installare anche una lavastoviglie.

I pensili

Partiamo dal presupposto che praticamente non bastano mai. Più sono grandi, larghi e profondi e meglio è. Le misure standard però sono in genere più contenute rispetto a quelle delle basi allo scopo di evitare che, i più distratti soprattutto, si ritrovino costantemente ad urtare la testa qui e là.

Le misure quindi, almeno per quanto riguarda la profondità, oscillano tra i 35 ed i 36 centimetri, dimensione ovviamente ritoccabile dietro precisa richiesta rivolta alle case produttrici.

Altezza pensile cucina

Per quanto riguarda l’altezza invece c’è maggiore possibilità di scelta dato che, in relazione alla distanza da terra del soffitto e alla statura del soggetto, è possibile optare per pensili più o meno lunghi oppure per una soluzione che preveda l’installazione di una doppia fila di sportelli.

In linea generale quindi si può affermare che l’altezza dei pensili in una cucina standard oscillerà tra i 36 ed i 96cm.

Lo spazio tra le basi ed i pensili

Tale misura è di norma compresa tra i 50 ed i 60 centimetri ma, ovviamente, è soggetta ad estrema variabilità. Lo stesso dicasi per la distanza che dovrebbe intercorrere tra la cappa ed il piano cottura.

In genere questi due elementi vengono distanziati qualche centimetro in più rispetto ad ante e basi perché un’eccessiva vicinanza dei due pezzi potrebbe rivelarsi una scelta poco saggia.

La determinazione delle distanze, ovviamente dipende in larga parte dalla scelta del modello di piano cottura (un conto è affidarsi a dei fornelli a gas ed un conto è installare dei fuochi ad induzione). La distanza ottimale è pari a 65 centimetri.

About i-casa

Diplomato geometra, anche se non ho proseguito la professione, mi è rimasta una certa sensibilità verso tutto quello che riguarda il mondo della casa, in particolare per l'arredamento. Appassionato di fai da te, mi piace lavorare con il cartongesso, con il quale è quasi sempre possibile trovare soluzioni creative e funzionali. Adoro tutti quegli elettrodomestici che possono rendere la vita in casa più piacevole.