Scale a sbalzo per interni: una chicca sempre più richiesta

      Commenti disabilitati su Scale a sbalzo per interni: una chicca sempre più richiesta

Le scale a sbalzo per interni sono una vera chicca sempre più richiesta dai consumatori e dai clienti più esigenti che adorano arredare e progettare la propria casa con stile e con gusto. Tra le varie tipologie di scala quelle a sbalzo per interni è quella più accattivante e quella che conferisce un tocco di armonia e di modernità alla propria abitazione. Tuttavia, bisogna sempre valutare che non in tutte le dimore è possibile procedere con l’installazione delle scale a sbalzo per interni. Vediamo in questa guida quali sono le soluzioni realizzabili all’interno della propria casa.

Quello che si deve sapere sulle scale a sbalzo

Una scala a sbalzo del tipo di Tendaflexsrl viene solitamente realizzata facendo ricorso a due differenti sistemi: uno più semplice e l’altro più complesso. Per quanto concerne il primo sistema esso prevede l’utilizzo di una ringhiera in metallo o in vetro come struttura della scala. Inoltre, è necessario che ci sia un collegamento tra gli scalini realizzato tramite viti o cilindretti in acciaio. In questo modo, si viene a realizzare un’unica struttura tra scalini e ringhiera e, sul lato della parete, il fissaggio o l’ancoraggio della scala a sbalzo per interni viene effettuato grazie all’utilizzo di perni in acciaio che consentono una tenuta al carico verticale. Il fissaggio della scala autoportante riveste un’importanza davvero fondamentale dato che deve permettere di intervenire ex post alla messa in posa della scala per motivi di sostituzione o di manutenzione. In generale, tutte le aziende che realizzano scale a sbalzo per interni prevedono l’utilizzo di un sistema di fissaggio con perni ad incastro che conferisce risparmi in termini di costo, a svantaggio della necessità di dover smontare completamente la scala per procedere con la sostituzione. Per ovviare a questa problematica, molte imprese hanno adottato una soluzione “smart” e comoda che consente di avvitare ogni singolo scalino alla parete, senza ogni volta dover smontare tutta la scala a sbalzo. Si tratta di una soluzione davvero vantaggiosa che consente un risparmio di risorse economiche e temporali.

L’altro sistema è leggermente più complesso di quello descritto precedentemente e prevede la realizzazione di una struttura in acciaio che viene fissata a muro ed è spesso provvista di perni regolabili che consentono di posizionare gli scalini autoportanti, prestando la massima cura ed attenzione all’installazione. Quando è possibile utilizzare questo sistema? Essendo ogni scalino realizzato in metallo, per essere fissato alla parete portante, è necessario che il muro sia in cemento armato e non in mattoni. Il corpo su cui si deve installare la scala deve essere stabile e il carico deve essere ben equidistribuito su tutta la parete, onde evitare cedimenti.

Quale scegliere?

Tra le varie tipologie di scale a sbalzo per interni è necessario distinguere quelle modulari dove ogni gradino è un “modulo” che viene ancorato e fissato singolarmente e quelle autoportanti che necessitano di un rivestimento per celare i perni. Sicuramente, nella scelta tra le due tipologie, occorre prendere maggiormente in considerazione quelle modulari che consentono di realizzare scale sospese, mediante la realizzazione di una struttura portante realizzata con lastre in vetro.