Come eliminare l’umidità di risalita dai muri

      Commenti disabilitati su Come eliminare l’umidità di risalita dai muri

L’umidità, in modo particolare l’umidità di risalita dai muri, è uno dei problemi più fastidiosi con i quali combattere in casa. Oltre al problema estetico, infatti, c’è quello di natura tecnica sulle condizioni delle mura e dell’edificio, ma c’è anche un problema di natura igienica e di salute che l’umidità genera.

Umidità sul muro
Le cause e i sintomi dell’umidità di risalita

Sono diversi i fattori che determinano la formazione dell’umidità di risalita, ma in sintesi si tratta di un fenomeno figlio di una inefficace (o assente) impermeabilizzazione dei muri e delle fondamenta di un edificio. Il fenomeno aumenta generalmente nei periodi piovosi e più freddi, dove l’evaporazione è minore o nulla e riguarda spesso le costruzioni più vecchie, ma anche quelle dove non sono stati eseguiti correttamente i lavori di costruzione e manutenzione.

Se la causa della formazione dell’umidità sui muri è nella pessima impermeabilizzazione degli stessi, essa può manifestarsi attraverso la comparsa delle muffa vera e propria, ma anche di aloni lungo le pareti, il danneggiamento degli intonaci e un cattivo odore all’interno della casa.

I danni dell’umidità

Come accennato i danni dell’umidità sono diversi, sia dal punto di vista estetico, ma anche dal punto di vista igienico, economico e strutturale. L’umidità, specie se protratta nel tempo e non eliminata, può generare l’instabilità della struttura dell’edificio, così come danni all’intonaco, alla tappezzeria e ai mobili vicini e accostati al muro. Inoltre una mancata o pessima impermeabilizzazione delle pareti produce un aumento consistente dei costi per il riscaldamento. Per raggiungere e mantenere la temperatura desiderata, infatti, sarà necessario un continuo flusso energetico (con i relativi costi e sprechi) considerando che l’isolamento termico è insufficiente a mantenere la temperatura.

Contrastare l’umidità con i metodi naturali

Per eliminare l’umidità di risalita dai muri esistono dei metodi naturali molto semplici ed economici.

Il sale grosso

L’utilizzo del sale grosso è il metodo più efficace ed economico contro l’umidità di risalita. Grazie all’osmosi il sale attira l’acqua, anche quella presente nell’aria nello stato vaporoso. Per applicare questo metodo si può utilizzare una garza di cotone o un sacchetto di organza messo sopra ad un contenitore in plastica chiuso da un coperchio forato. Il contenitore servirà a raccogliere l’acqua che regolarmente andrà gettata e asciugare il sale. Si consideri che per ogni 10mq sono necessari circa 150gr di sale.

Si può utilizzare anche uno scolapasta al poso del contenitore di plastica, che va posizionato sopra un pentola. A questo punto coprire il tutto con un panno da cucina e cospargervi sopra il sale grosso (sempre circa 150g ogni 10mq). Similmente si può scegliere di usare anche una bottiglia di plastica, tagliata a metà all’altezza del tappo e forare la parte dove verrà inserito il sale, mentre l’altra parte servirà come raccoglitore.

Lampade di sale

Un altro metodo contro l’umidità prevede l’acquisto di lampade di sale, sicuramente più eleganti dal punto di vista del design, ma con un costo maggiore. All’interno di queste lampade c’è il sale dell’Himalaya, molo efficace contro l’umidità.

I granuli di silice

Infine si può ricorrere ai granuli di silice. Questa soluzione, grazie al potere assorbente del silice, è preferibile per gli ambienti piccoli e per gli spazi ridotti come i cassetti, i mobili e le scarpiere.