Poltrona per anziani: consigli per la scelta

      Commenti disabilitati su Poltrona per anziani: consigli per la scelta

La poltrona per anziani è un elemento di arredo che al giorno d’oggi possiamo trovare tranquillamente nelle case di moltissimi italiani. Sarà perché la popolazione tende ormai ad invecchiare, sarà anche perché queste poltrone sono prodotte dando un occhio di riguardo allo stile e alla qualità, in ogni caso, una poltrona per anziani non è più un qualcosa da tenere nascosto, ma è un oggetto che può dare anche un tocco di classe all’arredamento del soggiorno.

Poltrona anzianiQuando ci si ritrova per la prima volta davanti a questa tipologia di poltrone però può esserci un senso di smarrimento, dovuto al funzionamento e agli optional sempre più tecnologici e moderni. Mi serve una poltrona con uno o due motori? Deve essere manuale o elettrica? Ho bisogno del roller sistem? Il tessuto deve essere idrorepellente? In questo articolo vogliamo spiegarti come scegliere al meglio la poltrona relax per anziani ed evitare di fare degli errori al momento dell’acquisto.

Poltrona per anziani: Manuale o Elettrica?

Le poltrone relax si dividono in due grandi categorie, quelle manuali, e quelle elettriche. Le manuali, di solito azionate da una manovella posta nel bracciolo, permettono il movimento dello schienale e della pediera tramite la pressione del busto sullo schienale. In questo modo, chi non ha particolari esigenze, può trovare la giusta posture e godere momenti di relax davanti alla Tv o a un buon libro. Se invece la persona ha difficoltà motorie, o se c’è la necessità del movimento alza persona, allora servirà di sicuro una poltrona elettrica.

Poltrona ad uno o due motori?

Una delle prime distinzioni che vengono fatte quando si acquista una poltrona elettrica è quella tra uno e due motori. A prima vista una persona che non è pratica di questi elementi d’arredo si trova in difficoltà perché non riesce a capire la differenza e crede che magari si tratti solo di una questione di potenza. In realtà la differenza principale tra le poltrone ad uno o due motori, sta nella possibilità di regolare in maniera indipendente lo schienale e la pediera. Le poltrone ad un motore hanno il classico movimento sincronizzato, che aziona prima la pediera, portandola in posizione orizzontale, e poi reclina lo schienale. Questa tipologia di meccanismo è ideale per chi non ha particolari esigenze posturali oppure anche per chi vuole un telecomando il più semplice possibile. Le poltrone a due motori invece permettono la regolazione indipendente dello schienale e della pediera. In questo modo è possibile avere una infinità di regolazioni ed è possibile plasmare la seduta per adattarla alle esigenze posturali dell’utente

E il movimento lift – alza persona?

Per chi ha problemi di mobilità, o per chi ha una qualche patologia invalidante, anche un semplice movimento come alzarsi e sedersi su una poltrona, può essere un problema. Per questo motivo le poltrone elettriche con movimento lift, riescono a sollevare la seduta fino a far arrivare la persona quasi in piedi, accompagnandola così nella totalità del movimento. Questo meccanismo permette di acquistare una rinnovata autonomia a chi, per motivi di età o per una qualche patologia, aveva bisogno di un continuo aiuto anche in un gesto semplice come quello di sedersi in poltrona.

Cos’è il roller sistem?

Le poltrone relax in commercio di solito sono fornite di due ruotine laterali che permettono il movimento della poltrona all’interno della abitazione. Se per esempio abbiamo la necessità di spostare la poltrona dalla camera al salotto, grazie a questo accorgimento, basterà inclinarla e spingerla attraverso le stanze e i corridoi. Se abbiamo però la necessità di muovere la poltrona con la persona seduta sopra, allora serve un sistema più robusto e in grado di sopportare il peso dell’utente. Per questo motivo è stato studiato il roller sistem, ovvero un carrellino composto da quattro ruote che scende alla pressione di una leva e scompare quando la poltrona è posizionata correttamente. In questo modo è possibile effettuare degli spostamenti anche se la persona è invalida e comunque, grazie al meccanismo a scomparsa, non viene toccato il lato estetico che risulta sempre piacevole.

Quali tessuti devo scegliere?

Al giorno d’oggi le poltrone relax vengono realizzate in moltissimi tessuti diversi, ognuno con le proprie caratteristiche, a volte anche con delle procedure innovative che permettono un utilizzo maggiore e più sicuro nel tempo. Se per esempio prendiamo un tessuto antimacchia o idrorepellente, stiamo parlando di un tessuto trattato in modo che qualunque liquido e grasso venga a contatto con la superficie della poltrona, non penetra all’interno. In questo modo la macchia non si forma e l’alone è facilmente rimovibile con un panno o con del sapone neutro.

Per chi cerca delle soluzioni più eleganti, in commercio si trovano diverse proposte in pelle o ecopelle, che danno alla poltrona quel senso classico e permettono di inserirla anche negli ambienti più sofisticati.

La scelta dei colori è naturalmente subordinata allo stile dell’arredamento di casa. Il nostro consiglio è quello di orientarsi su tinte neutre, in modo da poter spostare la poltrona tra i diversi ambienti senza avere un impatto troppo forte sulla casa.

About i-casa

Diplomato geometra, anche se non ho proseguito la professione, mi è rimasta una certa sensibilità verso tutto quello che riguarda il mondo della casa, in particolare per l'arredamento. Appassionato di fai da te, mi piace lavorare con il cartongesso, con il quale è quasi sempre possibile trovare soluzioni creative e funzionali. Adoro tutti quegli elettrodomestici che possono rendere la vita in casa più piacevole.