Come deumidificare casa fai da te con rimedi naturali

      Commenti disabilitati su Come deumidificare casa fai da te con rimedi naturali

Deumidificare casa è importante per impedire la formazione di muffa sulle pareti. Una casa umida è un luogo insalubre ed inospitale, perennemente soggetto alla formazione di antiestetiche macchie scure sulle pareti. E’ possibile agire con antimuffa spray oppure con soluzioni fai da te in modo naturale.

Umidità in casa

Le case possono soffrire un eccesso di umidità a causa di dettagli edilizi poco curati che permettono il ristagno o l’infiltrazione di acqua dall’esterno. Basti pensare ad un balcone che trattiene l’acqua di un temporale o alla mancata coibentazione dei muri. Anche un eccessivo isolamento potrebbe, in modo opposto, creare queste problematiche. Poi ci sono ambienti tradizionalmente umidi come i bagni e le cucine.

Durante i periodi più freddi dell’anno, quando magari a causa del freddo si tende ad arieggiare meno le stanze a causa dell’aria fredda che entrerebbe in casa, tutte le situazione descritte possono contribuire pesantemente alla formazione di muffe.

Come deumidificare una stanza con la prevenzione

Molte case, anche se mal esposte o costruite senza troppa attenzione ai dettagli, possono prevenire l’eccesso di umidità grazie a buone abitudini comportamentali. Un consiglio in tal senso è quello di permettere il ricambio d’aria all’interno dell’appartamento. Che ci sia caldo o che ci sia freddo insomma le finestre vanno aperte almeno per una quindicina di minuti al giorno. Sarebbe bene perseverare in questo comportamento anche quando si cucina del cibo oppure ci si concede una doccia calda.

Gli ambienti umidi ma privi di finestre andrebbero corredati da ventole da tenere in funzione ogni qualvolta si produca del vapore. Sì quindi per lo stesso principio all’utilizzo della cappa in cucina.

Buona norma è anche quella di non lasciar asciugare in casa la biancheria. Tutta l’umidità si depositerà sui muri di casa. D’inverno sarebbe importante utilizzare un ventilatore senza pale che aiuterebbe i vestiti ad asciugare più velocemente.

Utili a dissipare vapori ed umidità sono i ventilatori a soffitto, mentre per evitare che si formino dei ristagni d’acqua sarà bene controllare lo stato di salute della grondaia.

In ultimo attenzione alle piante: le stagnazioni nei sottovasi e l’eccessiva irrigazione del terreno si tradurranno presto o tardi in umidità ambientale e quindi in muffe e disagi.

Come deumidificare la casa con rimedi naturali

Capita a volte però che tutte le precauzioni sopra descritte non bastino o che la casa sia talmente problematica da richiedere ulteriori interventi di bonifica per poter diventare vivibile.

Lampada di sale dell’Himalaya

Una buona idea è anche quella di ricorrere alle lampade di sale rosa dell’Himalaya che, oltre a deumidificare l’ambiente, illumineranno la vostra casa e migliorano la respirazione. Le lampade di sale contengono all’interno una lampadina ad incandescenza. Il calore emanato dalla lampadina accesa riscalda il sale che emette ioni negativi che contrastano quelli positivi prodotti dagli apparecchi elettronici. Per poter funzionare al meglio delle proprie possibilità, le lampade dovranno essere di dimensioni proporzionate all’ambiente. E’ buona norma tenerla accese per 4-6 ore al giorno, possibilmente tutti i giorni.

Sale grosso

Se siete favorevoli ai rimedi naturali per deumidificare gli ambienti, provate innanzitutto con il sale grosso. Basterà spargerne una buona quantità all’interno di un contenitore perché questo inizi ad assorbire l’umidità presente nell’aria.

Il sale grosso andrà sostituito quando si sarà formata dell’acqua all’interno del recipiente. Ovviamente non bisogna buttarlo ma farlo asciugare al sole prima di riutilizzarlo. Anche in questo caso vale il discorso della dimensioni dell’ambiente da deumidificare . Un etto di sale è sufficiente per deumidificare una stanza di circa 16 metri quadri. Se l’ambiente è più grande bisognerà utilizzare più ciotole da posizionare in diversi punti della stanza.

Bottiglia di plastica

Potrete versare del sale anche in una bottiglia di plastica e riporla in frigorifero per una nottata. Il mattino seguente la posizionerete nella camera che più ne ha necessità. Anche stavolta quando il sale sarà bagnato dovrà essere lasciato ad asciugare.

Bicarbonato

Un ultimo suggerimento è quello di inserire del bicarbonato o del gel di silice oppure del cloruro di calcio all’interno di un contenitore e ricoprire con un panno di stoffa leggera. Questa soluzione è valida soltanto per i piccoli ambienti: stanzette o addirittura armadi. In quest’ultimo caso potreste pensare anche di immettere la miscela in un calzino da annodare.

Come vedete quelli suggeriti sono rimedi semplici, naturali ed economici ma comunque parecchio efficaci.

About i-casa

Diplomato geometra, anche se non ho proseguito la professione, mi è rimasta una certa sensibilità verso tutto quello che riguarda il mondo della casa, in particolare per l'arredamento. Appassionato di fai da te, mi piace lavorare con il cartongesso, con il quale è quasi sempre possibile trovare soluzioni creative e funzionali. Adoro tutti quegli elettrodomestici che possono rendere la vita in casa più piacevole.